Chiudi

Harold Edgerton

Il padre della fotografia moderna

Harold Edgerton è uno dei padri della fotografia moderna, nato nel 1903 negli Stati Uniti, divenne professore di ingegneria elettrica al MIT, una delle università più prestigiose del mondo, fu anche un prolifico inventore e trascorse molti anni della sua vita indagando la fotografia, cercando di usarla per estenderla le capacità dell'occhio umano, rivelando aspetti della realtà mai visti prima, il suo impatto può ancora essere visto nei fotografi contemporanei.

Harold Edgerton è uno dei padri della fotografia moderna, nato nel 1903 negli Stati Uniti, divenne professore di ingegneria elettrica al MIT, una delle università più prestigiose del mondo, fu anche un prolifico inventore e trascorse molti anni della sua vita indagando la fotografia, cercando di usarla per estenderla le capacità dell'occhio umano, rivelando aspetti della realtà mai visti prima, il suo impatto può ancora essere visto nei fotografi contemporanei.

Dopo la laurea inizia subito a lavorare sulla fotografia, combinando una macchina fotografica con uno stroboscopio; questo dispositivo, che è stato poi utilizzato come base per il moderno flash elettrico, gli ha permesso di registrare su pellicola una serie di immagini in sequenza. Come affermato dallo stesso Edgerton, questa invenzione ha permesso di “tagliare il tempo stesso e di congelarlo in modo da adottarlo alle nostre esigenze e ai nostri desideri".

Dopo la laurea inizia subito a lavorare sulla fotografia, combinando una macchina fotografica con uno stroboscopio; questo dispositivo, che è stato poi utilizzato come base per il moderno flash elettrico, gli ha permesso di registrare su pellicola una serie di immagini in sequenza. Come affermato dallo stesso Edgerton, questa invenzione ha permesso di “tagliare il tempo stesso e di congelarlo in modo da adottarlo alle nostre esigenze e ai nostri desideri".

Anche se il suo lavoro è considerato arte da molti, non si considerava un artista: "Sono un ingegnere. Sto dietro ai fatti. Solo i fatti ”, ma è la bellezza di questi fatti che rende queste immagini un'arte. L'unione tra arte e scienza, sempre presente nelle sue opere, è ciò che rende il suo lavoro rilevante e innovativo, una celebrazione dell'armonia della natura e della simmetria dei fenomeni quotidiani.

Anche se il suo lavoro è considerato arte da molti, non si considerava un artista: "Sono un ingegnere. Sto dietro ai fatti. Solo i fatti ”, ma è la bellezza di questi fatti che rende queste immagini un'arte. L'unione tra arte e scienza, sempre presente nelle sue opere, è ciò che rende il suo lavoro rilevante e innovativo, una celebrazione dell'armonia della natura e della simmetria dei fenomeni quotidiani.